INIZIA CONTRO I COYOTES LA SETTIMANA DELLA VERITA’

PRECEDENTE:

10 ottobre 2015: Arizona Coyotes vs Pittsburgh Penguins 2-1

0321pens2015

Capitan Sidney Crosby spera di ripartire quest’oggi con una grande prestazione dopo una settimana passata piuttosto in ombra…

Questa notte alle ore 01:00 italiane i nostri Penguins sfideranno sul ghiaccio di casa della Consol Energy Center gli Arizona Coyotes, squadra che arriva da 5 sconfitte consecutive, 4 esterne ed 1 interna.

Obiettivamente non dovrebbe essere un impegno troppo difficile per i nostri ragazzi che sperano di ripetere la sufficiente prova disputata sabato contro i Winnipeg Jets, team che come caratteristiche somiglia molto ai Coyotes.

Dovremo sicuramente stare attenti al non sottovalutare la terza linea offensiva di Arizona composta dal trio Domi, Richardson, Doan che delle quattro linee risulta essere la più produttiva in zona realizzativa; come sempre bisognerà fare attenzione anche alle sfuriate offensive del forte difensore svedese Oliver Ekman-Larsson, vero e proprio killer con le sue botte dalla linea blu specialmente in situazioni di PowerPlay.

Justin Schultz, ultimo arrivato in casa Penguins, non sarà della partita poichè deve ricevere il visto dagli Stati Uniti per il permesso di lavoro e dunque sarà disponibile probabilmente dall’inizio della prossima settimana.

Evgeni Malkin non ha disputato la seduta di allenamento nella giornata di ieri solamente per precauzione; Geno infatti rientrava sabato dopo 10 gare saltate per infortunio e coach Sullivan ha deciso giustamente di lasciarlo a riposo.

Tutti noi ci aspettiamo che capitan Sidney Crosby ritorni ai livelli visti una decina di giorni fa quando a suon di punti si è caricato letteralmente sulle spalle la squadra trascinandola in zona playoff; la sua settimana infatti è stata decisamente negativa, con 1 solo punto messo a referto (1 assist contro Buffalo) e solamente 7 conclusioni verso le porte avversarie in 4 match disputati.

Contro Winnipeg ho visto discretamente bene Ian Cole in difesa, cosa da sottolineare in questo periodo dove un po’ tutti peccano di precisione e di concentrazione (da Maatta a Letang, da Pouliot a Dumoulin).

Per la sfida di questa sera c’è un dubbio su chi difenderà la gabbia per i Pens; Murray infatti è stato richiamato ieri dalla AHL e probabilmente dovrebbe partire titolare quest’oggi cedendo il posto allo starter Fleury per l’importante sfida di domani contro i Washington Capitals, partita che doveva essere giocata nel mese di dicembre ma che fu rinviata per le famose nevicate abbondanti che colpirono la capitale in quel periodo.

Sarà una settimana molto importante questa per i nostri Penguins, dopo la sfida contro i Caps di domani infatti, a Pittsburgh, arriveranno prima i New York Rangers nella giornata di giovedì e poi nella giornata di sabato in un match ad orari felici per noi italiani (21:00) i Calgary Flames; infine domenica sfideremo i New Jersey Devils in terra nemica; insomma, 5 partite in 7 giorni che ci spremeranno come arance a livello fisico e che delineeranno quali saranno realmente le nostre prospettive in classifica.

Dobbiamo trovare le forze e le capacità per portare a casa più punti possibili perchè Philadelphia, distante solo 3 punti, disputerà solamente 3 partite (contro Calgary, Edmonton e Columbus!) relativamente semplici che potrebbero lanciarli al nostro inseguimento in maniera assai pericolosa…

BE STRONG!! BE TOUGH!! LET’S GO PENS!!

PESSIMA PRESTAZIONE A BOSTON

BOSTON BRUINS vs PITTSBURGH PENGUINS 5-1

First Period:

16:00 David Pastrnak (7) BOS Penalty shot

Second Period:

03:12 David Pastrnak (8) BOS unassisted

04:07 Tom Kuhnhackl (2) PIT assisted by Sundqvist, Daley

Third Period:

10:34 Jimmy Hayes (13) BOS assisted by Spooner, McQuaid

14:26 Landon Ferraro (4) BOS assisted by Seidenberg

15:27 Brad Marchand (31) BOS assisted by Krug, Bergeron

512134690_slide

Olli Maatta autore di una partita a dir poco disastrosa si avvicina alla panchina dopo aver letteralmente regalato il 2-0 segnato da Pastrnak

LA PARTITA IN PILLOLE

  • Parliamoci chiaro, quest’oggi non è girato niente, dalla difesa all’attacco, dove seppur abbiamo cercato il goal indirizzando dischi verso la porta difesa da Rask per ben 42 volte la precisione ha lasciato molto a desiderare
  • Olli Maatta: assolutamente disastroso, commette due errori madornali (assurdo quello del 2-0 di Pastrnak) che ci costano 2 reti e nonostante quello non reagisce, ciondolando sul ghiaccio depresso e deluso presumibilmente da se stesso
  • Marc Andre Fleury: vero, verissimo che viene lasciato in balia degli avversari spesso lanciati in uno contro uno difficilissimi, però MAF non mette a segno una parata importante che sia una!
  • Derrick Pouliot: è lui che si addormenta nell’azione che porterà allo shutout poi realizzato dallo stesso Pastrnak che non riesce a fermare nemmeno appendendo la propria mazza sulla casacca del giocatore di Boston
  • Sidney Crosby: contro Bergeron di fronte in carriera aveva, ha ed avrà sempre vita molto difficile; dettaglio confermato anche in questa gara dove il #37 avversario annulla il nostro #87
  • Oskar Sundqvist: partita gagliarda del giovane svedese che costruisce il goal del momentaneo 1-2 che riapre le speranze e vince il 60% dei faceoff disputati
  • Kris Letang: chiude con un -3 di plus/minus che dice tutto; inoffensivo quando attacca, distratto quando difende, diciamo che è stata una serata no per il forte #59

Ora cerchiamo di rialzare la testa sabato contro Winnipeg; non vorrei assolutamente rivivere un finale di stagione apatico come quello dello scorso anno quando abbiamo acchiappato i playoff solo all’ultima giornata e siamo usciti immediatamente senza dare segni di vita contro i New York Rangers…

Forza ragazzi!!! Crediamoci!!!

MATCHDAY: BOSTON BRUINS vs. PITTSBURGH PENGUINS

BOSTON BRUINS (32-22-6) – PITTSBURGH PENGUINS (30-20-8)

Importante mercoledì notte che si terrà al TD GARDEN di Boston dove i padroni di casa dei Bruins sono i prossimi avversari dei nostri Pens in quella che rappresenta una sfida importante e pure molto sentita. Entrambe le formazioni si trovano attualmente nei due posti disponibili nelle Wild Card ma New Jersey Devils e Carolina Hurricanes che fanno sentire il loro respiro a brevissima distanza perciò serve una gara molto attenta per poter conquistare la posta in palio. Questa partita rappresenta la terza sfida stagionale: i due precedenti vedono le vittorie dei Bruins per ben 3 a 0 sempre in trasferta il 17 dicembre e addirittura il 6 a 2 subito al Consol Energy Center appena 2 giorni dopo. Può sembrare banale ma la voglia di rivalsa è tanta, veramente tanta….

Per quanto riguarda la formazione non ci dovrebbe essere nulla di nuovo in vista: nonostante ci sia stato il ritorno in allenamento di Bonino e Malkin con il resto del gruppo i due Centri saranno assenti ma coach Sullivan ha affermato che con tutta probabilità torneranno sul ghiaccio già dal prossimo match di sabato contro gli Winnipeg Jets. Anche Lovejoy sarà assente per via del suo infortunio subito contro i Bolts ma il suo potrebbe non essere un rientro veloce: per questo Sullivan si è tutelato con la chiamata dalla AHL del 30enne difensore Olesky. Vedremo se il coach vorrà subito buttarlo nella mischia oppure gli preferirà, come già visto contro Buffalo, Cole.

Come detto, per noi IPF la sfida è molto sentita perciò ci attendiamo grinta e determinazione stanotte sul ghiaccio… ABBATTIAMOLI!

LET’S GO PENS!

 

UN WEEKEND AMARO-DOLCE

Sarò breve e conciso in questo mio “Penguins Pensiero” del lunedì!

In questo weekend ci siamo potuti gustare ben 2 match consecutivi ad orari decisamente meno impegnativi del solito, infatti, sia contro Tampa Bay che contro Buffalo i nostri Pens hanno iniziato a faticare dalle ore 12:30 dell’orario locale, 18:30 per noi che viviamo nel vecchio Continente.

Sinceramente non abbiamo visto grandi meraviglie in queste 2 partite, anzi, diciamo proprio che se dovessi parlare solamente della gara contro Tampa Bay vi dovrei raccontare solo degli orrori commessi difensivamente da mezza squadra e dei dischi nemmeno visti dall’ormai nostro ex backup goalie, quel Jeff Zatkoff che proprio nella giornata di ieri è stato rispedito in AHL dal nostro tosto coach Sullivan richiamando al suo posto il giovane Murray che nel mese di dicembre, quando Fleury aveva subito una commozione cerebrale, aveva già fatto il suo esordio alla difesa dei nostri pali dimostrandosi in quell’occasione già un goalie di discreto livello, pronto per fungere da sostituto al nostro “amato” #29.

511568792_slide

Derrick Pouliot sta dimostrando una buona concentrazione nelle ultime gare rispetto ai giovani compagni Dumoulin e Maatta reduci da prestazioni poco esaltanti

24 ore dopo la sconfitta subita contro Tampa Bay abbiamo potuto riprenderci un po’ di autostima andando a vincere, non senza patemi (e con un grandissimo Fleury nel primo periodo), in quel di Buffalo, dove il nostro ex head coach Bylsma sta tentando invano di risollevare una squadra che, nonostante i numerosi arrivi e le giovani leve, stenta a decollare; e così, senza Malkin ancora inserito nella IR, hanno spiccato i vari Cullen (suo il game winning goal in shorthanded), Wilson (3 goal nelle ultime 3 partite) e Pouliot.

Citazioni d’onore per Phil Kessel, autore di una splendida rete (quella del momentaneo 3-1) e per Kris Letang che ha messo a segno 3 assist, 2 dei quali di pregevole fattura smarcando al momento giusto i due tiratori, Wilson prima e lo stesso Kessel poi.

Sicuramente la notizia migliore del nostro weekend è vedere la nostra squadra a +3 dalla prima inseguitrice, i New Jersey Devils, che sono reduci da 3 sconfitte consecutive ed inoltre hanno giocato 2 partite in più rispetto a noi.

Immagine

Ottavi in classifica, a +3 dai Devils e +4 su Carolina, ma sinceramente terrei d’occhio maggiormente i nostri rivali Flyers che hanno giocato lo stesso nostro numero di partite e ci inseguono a -5

MATCHDAY: PITTSBURGH PENGUINS vs. DETROIT RED WINGS

red

Dopo le trasferte in casa di Canes e Panthers, i Pens tornano al “Consol Energy Center” dove arrivano i Detroit Red Wings in quella che comunque è una partita sentita. Come non ricordare l’ultima partita? Alla mezzanotte del 31 gennaio mentre l’Italia dava il benvenuto al 2016 nei tifosi sarà scappato l’occhio sul risultato dei Pens tra una bottiglia e l’altra e se ben ricordate dopo lo svantaggio per 2 a 0 arrivò la grande rimonta con conseguente vittoria per ben 5 a 2. Noi ci auguriamo di poter assistere alla stessa cattiveria agonistica sul ghiaccio nella speranza di poter vedere nel net un Fleury che confermi la sua forma: nelle ultime 4 partite difatti viaggia alla media del 94,9% di saves! Per quanto riguarda il resto della formazione invece niente di nuovo con i soliti infortunati Malkin, Fehr, Bonino e Bennett che ancora non sono disponibili perciò dobbiamo avere fiducia nella terza e quarta linea che arriva dalla AHL. Occhio a Detroit che nelle ultime apparizioni ha sfoderato nel net un buonissimo Mrazek già confermato per stanotte.

Alle 01.00 italiane l’ingaggio d’inizio tra le due squadre e noi vogliamo questa vittoria!

IT’S A HOCKEY NIGHT IN PITTSBURGH! LET’S GO PENS!

MATCHDAY: FLORIDA PANTHERS vs. PITTSBURGH PENGUINS

Dopo soli 9 giorni dall’ultimo incontro, i Pens (28-19-7) ritornano in casa dei Florida Panthers (32-18-6) per il terzo ed ultimo incontro stagionale. Le precedenti due partite sono terminate entrambe con il punteggio di 3 a 2 per noi finite in OT: come non ricordarsi la grande rimonta di pochi giorni fa con i Pens che rimontarono lo svantaggio di 2 goal negli ultimi 5 minuti di gioco!

cats

Appuntamento questa notte alle ore 01.30 italiane!

Per la sesta partita consecutiva sarà ancora assente la stella Malkin per via del lower body che lo ha costretto finora a rimanere al box così come Bonino e Bennett. Di conseguenza non ci sarà nessuna novità di formazione con il solo dubbio per chi difenderà il net tra Fleury e Zatkoff.

I Panthers hanno già annunciato che toccherà al backup Al Montoya difendere i pali dei padroni di casa facendo riposare Luongo che nelle ultime 5 partite ha sempre subito almeno 3 goal ma anche Gudbranson e Mitchell non saranno della partita per infortunio così come i forward Pirri ed Howden.

Rispetto all’ultimo incontro vinto ai rigori contro i Canes ci auguriamo di vedere una squadra con maggiore grinta. Vincere sarebbe molto importante visto che la vittoria di ieri dei New Jersey Devils ha permesso di scavalcare sia noi che i New York Islanders in classifica e che al momento ci vede fuori dalla Wild Card per i play-off di 1 solo punto.

FORZA RAGAZZI! LET’S GO PENS!

PITTSBURGH VINCE, MA NON CONVINCE

CAROLINA HURRICANES vs PITTSBURGH PENGUINS 1-2 SO

First Period:

Second Period:

  1. 15:43 Phil Kessel (16) PIT assisted by Cullen (10), Hagelin (14)

Third Period:

  1. 14:42 Andrej Nestrasil (8) CAR assisted by Nordstrom (10), Liles (8)

Shootout Winner by Kris Letang

ANALISI SOCIOPATICA

Al termine della partita vinta agli shootout contro Carolina sono decisamente più abbacchiato e deluso rispetto alla sconfitta subita 2 giorni fa ad opera dei New York Rangers.

Già, nonostante i due importanti punti messi in saccoccia che ci portano a +2 dalla nostra principale inseguitrice ossia i New Jersey Devils, sono deluso dall’approccio alla gara da parte dei nostri, forse un pochino stanchi a causa dell’ottima rimonta che stanno effettuando in quest’ultimo periodo…ad ogni modo un solo giocatore ci ha tenuti in vita durante tutti i 60 minuti della partita (ma specialmente nel primo periodo in cui Carolina ci ha davvero dominati), quel Marc Andre Fleury che solo 1 settimana fa sembrava non parare nulla.

Il nostro goalie si è superato in diverse occasioni mantenendo prima il risultato di parità quando i Canes avrebbero strameritato il vantaggio e poi il vantaggio resistendo agli assalti post-goal di Kessel riuscendoci sino all’invenzione di Nestrasil a 5 minuti dal termine che ha rimandato ogni sentenza dopo i tempi regolamentari.

All’overtime invece il protagonista sarà Cam Ward che si supera sui tentativi invani di un Crosby che sembrava essere sceso sul ghiaccio solamente per i supplementari, inghiottito durante tutta la gara insieme ai compagni Hornqvist e Kunitz dalla dominante linea avversaria formata dall’ex Jordan Staal, Nordstrom e Nestrasil che ha davvero chiuso ogni iniziativa della nostra prima linea.

509875374_slide

Il nostro Marc Andre Fleury quest’oggi è stato determinante in molte occasioni; sicuramente first star of the game

A dire il vero coach Sullivan (uno che non sta a guardare e basta come quel qualcuno che stiamo tentando di dimenticare!) ha pure cercato di rivitalizzare Sid togliendolo dalla “morsa Staal” tessuta da coach Peters spostandolo più volte in terza linea, facendogli però assorbire un doppio duro lavoro che non ha portato i frutti che si sperava.

Nota positiva invece è stata la pericolosità e l’ottima chimica che in questa gara hanno dimostrato il terzetto della seconda linea offensiva: Hagelin, Cullen e Kessel infatti, oltre ad aver creato l’azione del momentaneo vantaggio, hanno davvero messo in grave difficoltà la giovane difesa dei Canes, orfana fra l’altro del loro miglior giocatore, quel Faulk che con 15 reti è uno dei migliori offensive defenseman della Lega.

Avendo disputato solamente 2 minuti con l’uomo in più il powerplay è pressoché non valutabile, anche se è stata confermata che l’assenza di Malkin in questo essenziale è determinante come poche altre cose al mondo!

Ora ci spostiamo in Florida, dove lunedì sera affronteremo i Panthers già battuti 2 volte quest’anno ma in entrambi i casi dopo i tempi regolamentari; speriamo di ricaricare un po’ le batterie in questi due giorni di pausa, perchè a mio modo di vedere i Pens mi sono sembrati parecchio stanchi in questa gara fortunatamente conclusa con la vittoria.

509889614_slide

Kris Letang con un pregevole backhand batte Ward e regala i 2 punti ai Penguins in un incontro disputato in maniera piuttosto scialba da 3/4 della line up

 

MATCHDAY: CAROLINA HURRICANES vs. PITTSBURGH PENGUINS

Raleigh, North Carolina, “PNC Arena” ore 01.00 in Italia;

CAROLINA HURRICANES vs. PITTSBURGH PENGUINS!

Si ritorna in trasferta e precisamente in North Carolina dove ci attendono i Carolina Hurricanes, squadra che affrontiamo per la quarta volta su cinque incontri stagionali e che vedono i Canes con due vittorie (di cui una in OT) ed una sconfitta nell’ultimo incontro giocato a gennaio con la nostra vittoria per 5 a 0. Torniamo sul ghiaccio dopo la sconfitta subita 2 giorni fa in casa contro i Rangers della star Lundqvist che ci ha negato la gioia del goal (chiudendo la partita con la conquista dello shutout) ma senza demeritare e da qui dobbiamo ripartire. La classifica ci vede ancora in pienissima lotta per la conquista dei play-off ed i Canes distano da noi di soli 4 punti perciò la partita risulta molto importante ma purtroppo rispetto alle ultime partite non recuperiamo nessuno dei giocatori infortunati quindi la grinta dovr essere ancora maggiore. Proprio dall’ultima sfida è in forte dubbio la presenza del difensore Daley che contro i Rangers ha dovuto abbandonare l’incontro già nel primo periodo per uno scontro con il net. Nell’ultima seduta di allenamento è comunque sceso sul ghiaccio ma solo a ridosso della partita sapremo se sarà disponibile oppure se il suo posto sarà preso da Cole.

Per il resto, formazione praticamente confermata con il solo dubbio chi tra Fleury o Zatkoff sarà chiamato a difendere la gabbia dei Pens. Anche i Canes hanno il dubbio di formazione: il difensore Faulk, 15 goal in stagione e attuale miglior marcatore dei suoi, difatti ha saltato le ultime sedute di allenamento e sarà valutato anche lui all’ultimo se sarà della partita o meno.

pensvscanes

Appuntamento alle ore 01.00 con la nostra “diretta” sulla pagina Facebook della IPF!

Ora più che mai c’è bisogno del sostegno di tutti, fuori L’ORGOGLIO!

#LetsGoPens #NeverGiveUp #BandaSullivan

BATTUTI MA NON SCONFITTI

PITTSBURGH PENGUINS vs NEW YORK RANGERS 0-3

SCOREBOARD

First Period:

  1. 08:34 Kevin Hayes NYR (8) assisted by Glass (2), Yandle (25)

Second Period:

Third Period:

  1. 04:21 Dominic Moore NYR (5) assisted by Stepan (14)
  2. 18:29 Jesper Fast EN NYR (8) unassisted

ANALISI SOCIOPATICA

A mente ancora calda dopo la prima sconfitta interna subita dopo ben 6 vittorie consecutive (l’ultima L risaliva al 5 gennaio nel match contro i Chicago Blackhawks per di più arrivata all’overtime) al Consol Energy Center possiamo dire che da questa sfida usciamo si battuti, ma non sconfitti!

Fa bene a fine gara Kris Letang a sottolineare il dominio territoriale avuto dai Penguins durante il match ed a rimarcare il fatto che è mancata solamente un pizzico di precisione in più sotto porta, dove, manco a dirlo, abbiamo trovato di fronte un Henrik Lundqvist in serata di grazia e sinceramente la cosa non mi stupisce affatto visto che il portierone svedese contro Pittsburgh sembra quasi sempre dare il meglio di se (e lo dice una persona che lo ritiene fra i migliori portieri al mondo, ma che quest’anno non sta compiendo grossi miracoli!).

509454348_slide

Con un Lundqvist in versione “muro” è quasi impossibile battere i Rangers; ne sappiamo qualcosa dopo le ultime 2 serie playoff… cerchiamo di evitarlo al primo turno se dovessimo arrivarci per favore!!

Sidney Crosby è rimasto a bocca asciutta dopo 7 gare consecutive in goal e come sempre la difesa dei Rangers, che diciamolo pure sa come affrontarci, ha avuto particolare attenzione verso di lui, marcandolo molto stretto e non lasciandogli mai l’opportunità di incidere lasciandolo addirittura con la casella vuota negli shots on goal.

Dispiace l’aver visto un Brian Dumoulin molto disattento in occasione del secondo goal Rangers dove ha lasciato solo soletto in balia di due avversari il compagno Pouliot che ha fatto quello che ha potuto coprendo benissimo la linea di passaggio ma non potendo nulla sul precisissimo wrist shot scagliato da Moore, pure lui con un conto in sospeso verso i Pens sempre aperto.

Insomma a mente ancora troppo calda prevale l’ottimismo di aver visto una squadra che ha dominato gran parte della partita ma ha subito nei momenti cruciali le reti che hanno spostato gli equilibri verso i nostri avversari.

Ora riposiamoci un giorno e ricarichiamo le batterie per la sfida di venerdì in quel di Raleigh, Carolina, dove i 2 punti saranno fondamentali contro una squadra che dista solamente 4 lunghezze dal piazzamento Wild Card occupato da…noi!

LET’S GO PENS!! WE ARE THE FIFTH LINE!!